TheItalianlakesGuides

TheItalianlakesGuides

lunedì 5 giugno 2017

Tutti a Brezzo di Bedero

Il tempo ci ha favorito, come tutti speravamo e il caldo sole di giugno ha rallegrato il pomeriggio nonostante dense nubi si preparassero all’orizzonte.
Atmosfera perfetta per visitare la splendida collegiata di Brezzo di Bedero, gioiello romanico dalla ricca e interessante storia e dal fascino intatto, nonostante i numerosi rimaneggiamenti che, nelle diverse epoche, hanno trasformato la chiesa.
Il gruppetto di fedelissimi, con qualche nuova amica, ha potuto ammirare gli affreschi rinascimentali che ornano le absidi, scoperti dopo i restauri degli anni ’70 e alcuni divertenti particolari come il gatto che mangia il topo o il faccione di Sole sullo scudo del soldato che cattura San Vittore; curiose le aggiunte ottocentesche all’architettura, in perfetto stile neoromanico, che ingannano gli occhi dei pochi esperti e sembrano elementi antichi; evocativi i serpenti che i mangiano la coda scolpiti alla base delle colonne esterne. Insomma per tutti, guida compresa, davvero una visita ricca di soddisfazioni e di scoperte, un altro particolare pomeriggio in compagnia del gruppo Esci&Conosci!

Grazie a Silvio V. per l'immagine!


giovedì 11 maggio 2017

La pieve di Arsago Seprio

Il nostro gruppo guide ha registato un "tutto esaurito" in occasione della visita guidata di domenica scorsa ad Arsago Seprio... Ecco cosa ci scrive qualche giorno dopo...

E' stata una piacevole sorpresa incominciare la visita alle ore 16.00 con un bel sole caldo, dopo la mattinata e i giorni passati di pioggia. Sarà stato il tepore di questa gradita giornata primaverile a far prenotare una decina di ritardatari e convincere altre persone a presentarsi last minute sul sagrato di uno dei complessi religiosi più affascinanti della provincia di Varese.
Viene definito Campo dei Miracoli, ricordando la famosa piazza dell'altrettanto nota torre pendente di Pisa! E il miracolo è avvenuto!

Abbiamo visitato la Basilica di San Vittore, anticipando di qualche ora la festa del Santo Patrono del nostro capoluogo; ci siamo soffermati sui capitelli corinzi di reimpiego di epoca romana, aguzzato la visita soffermandoci sugli archetti pensili e le decorazioni di dente si sega del bel campanile romanico, scoperto la simbologia degli ingressi posti a nord e sud del battistero ottagonale, affascinante per i bassorilivieti lapidei in pietra d'Angera e per i fasci di luce che povenivano dalla croce e dll'oculo del tiburio a 16 lati. Dal cuore dell'antica pieve, abbiamo in seguito raggiunto la sede dei Musei Civici per ammirare il lapidario e le sepolture longobarde, per poi terminare all'abbazia di Santa Maria in Monticello che ci è stata aperta appositamente.

Un altro pomeriggio è dunque trascorso alla scoperta di piccoli grandi gioielli del territorio, testimonianza di una storia dal lungo passato, come ci testimonia il suffisso di origine celtica Ars-AGO!







Fotografia di Rosa Fazzini

mercoledì 26 aprile 2017

Una piccola grande meraviglia a Momo (NO)

Grazie a Vanessa che ci scrive...

Un pomeriggio quasi estivo in compagnia di tanti visitatori alla scoperta del piccolo oratorio della SS Trinità di Momo. Sito lungo la strada che collega Novara al Lago d’Orta, l’antica via Francisca già Settimia, l’oratorio nel tempo ha subito diversi ampliamenti che lo hanno trasformato da cappella de susta all’attuale chiesa a navata unica e quattro campate.
L’interno è riccamente affrescato con cicli pittorici che raccontano il Mistero Trinitario, la storia del Cristo dall’infanzia alla resurrezione, il Giudizio Universale con Paradiso e Inferno ma anche Purgatorio e Limbo.
Le storie sacre affrescate nelle nostre chiese e oratori suscitano sempre interesse e stupore.
Gli affreschi di Francesco Cagnola a Momo hanno incantato i nostri visitatori per la loro vivacità cromatica, la bellezza e la genuinità delle molte figure ritratte. Bellissimi fra gli altri gli episodi del “battesimo nelle acque del Giordano”, l’enigmatica “conversione della Maddalena”, il concitato “arresto di Gesù nel Getsemani. Rimangono alcuni quesiti: perché la scelta di tale o talaltro episodio? Gesù fanciullo era davvero l’enfant terrible come ci raccontano gli apocrifi?
Alcuni affreschi devozionali ricoprono inoltre le pareti esterne dell’edificio: sant’Antonio abate, san Giulio d’Orta e san Cristoforo osservano e proteggono i passanti ormai da secoli. Insieme abbiamo avuto modo di ricordare l’affetto, la fede e la speranza che hanno sempre legato i semplici a questi santi taumaturghi.
Ringrazio di cuore tutti i partecipanti con un arrivederci alla prossima “Apocalisse”.



©  Fotografie Giuliano Modesti















lunedì 10 aprile 2017

Gita fuori porta - il Museo Vela a Ligornetto


L'entusiasmo della nostra Simona è contagioso!
Ecco cosa ci secrive dopo la visita guidata di ieri a Ligornetto!

Splendido pomeriggio quasi estivo nel paesino ticinese di Ligornetto, sede del bellissimo e curatissimo Museo Vela. È una soddisfazione quando la passione del lavoro incontra quella del pubblico che ti ascolta, quando il lavoro di preparazione e studio di un luogo da visitare diventa occasione per scoprire una bella destinazione, che da tempo mi chiama, come guida e come amante della Bellezza.
Che strano trovarsi a ringraziare per aver lavorato, anche una domenica pomeriggio, grazie al gruppo dei nostri affezionati followers che non mancano le nostre gite.
Il museo è stata come spesso succede, una gradita sorpresa, per la bellezza delle opere, la cura del posto, il filo interessante per conoscere e riconoscere la nostra storia. Un altro tassello di conoscenza del nostro splendido territorio.
Alla prossima!






lunedì 13 marzo 2017

Castelseprio è patrimonio di tutti!

 Ecco l'usuale resoconto di Simona, dopo la visita guidata di domenica 12 marzo al parco Archeologico di Castelseprio. Ringraziamo la nostra amica Elena per le immagini fotografiche



Gli scavi di Castelseprio sono sempre un pò magici e particolari e diventano anche estremamente piacevoli quando si incappa in una giornata primaverile, di cielo azzurro e prati fioriti, come è successo domenica scorsa.
Il bel gruppetto di oltre 20 persone che si è lasciato tentare da questa visita ha potuto così godere insieme di un giro nella storia e anche di una bella passeggiata nella natura.
La visita si è assai dilungata, ma le due ore di spiegazione sono volate, tra gli scavi delle mura e dell’antico centro religioso, i reperti interessanti conservati nell’Antiquarium, gli aneddoti e le domande dei visitatori, tra cui questa volta c’era anche una “delegazione” di ragazzi, e soprattutto i meravigliosi e rarissimi dipinti di Santa Maria Foris Portas che hanno concluso degnamente il pomeriggio.
Un grazie di cuore a tutti i nostri fedelissimi visitatori e a quelli che ci scoprono man mano, che riescono con il loro entusiasmo a tenere viva la fiamma della passione per il nostro territorio, così ricco di storia e bellezza. 









lunedì 20 febbraio 2017

Un'altra chiesa poco conosciuta del varesotto!

La nostra Simona ha registrato un altro sold out per la sua visita di somenica 19 febbraio a Sesto Calende. Ecco cosa ci scrive...

L’Abbazia di San Donato non delude le aspettative: una chiesa ricchissima in ogni dettaglio di storia e arte, per le oltre 20 persone che hanno approfittato di questo bel pomeriggio di sole.
Già la storia rende questo luogo speciale: un nodo cruciale nei percorsi devozionali e non solo del Medioevo, un territorio che è la culla della civiltà di Golasecca, un luogo che è sacro fin dall’epoca celtica.
L’interno e l’esterno della grande chiesa portano innumerevoli segni di questi numerosi passaggi: alcuni piccolini come il draghetto sputafuoco sulla parete del nartece, alcuni imponenti come lo spettacolare presbiterio con le storie di San Siro e di San Gandolfo, alcuni nascosti come gli affreschi della cripta, alcuni curiosi come il Padre Eterno in stucco che “esce” dal soffitto della cappella del SS.Sacramento, alcuni prettamente artistici come gli affreschi della navata est, alcuni più “architettonici” come le basi delle colonne riscoperte nell’ultimo restauro, fino all’ultima chicca: un masso dolomitico usato come forma per lavorare a sbalzo le lamine di decorazione dei libri liturgici.
Insomma ciascuno ha avuto modo di soddisfare le proprie curiosità e il proprio gusto e passare così un piacevolissimo pomeriggio. Alla prossima!



 

martedì 7 febbraio 2017

A spasso nel Novarese

Un altro successo del nostro gruppo guide! La nostra "new entry" Vanessa ha ricevuto molti complimenti con la sua prima uscita dedicata al ciclo delle chiese del novarese a tema "Apocalisse". Ecco il suo breve resoconto della visita, arricchito dalle immagini del nostro Giuliano che ringraziamo di cuore!

Nonostante la giornata fredda e piovosa un discreto numero di visitatori ha raggiunto ieri la chiesa romanica di San Marcello Papa a Paruzzaro, piccolo centro dell’alto novarese poco distante da Arona e dal lago Maggiore.
Sfuggendo alla pioggia leggera ma insistente il gruppo ha trovato immediato riparo nella bella aula unica dell’edificio dove, sotto un notevole soffitto ligneo seicentesco, spiccano i numerosi e vivacissimi affreschi delle pareti.
Insieme visitatori e guida hanno indagato i grandi temi dell’abside affrescata da Sperindio Cagnola proprio durante il periodo del suo apprendistato presso il maestro Gaudenzio Ferrari.
Il gruppo ha poi ammirato le eleganti figure della Vergine del latte e santi affrescati dal galliatese Giovanni Antonio Merli e la ricca parete sud dell’edificio dove spiccano i 23 riquadri con le storie della Passione di Cristo e il Giudizio Universale, tema centrale quest’ultimo del breve ciclo di incontri proposto da Vanessa.

La pioggia rimasta pazientemente fuori ad aspettare non ha scoraggiato il gruppo che si è dedicato infine ad una visita degli esterni della chiesa, dalla facciata all'abside, dall’antico campanile al suggestivo ossario.

credit Giuliano Modesti

credit Giuliano Modesti

credit Giuliano Modesti

credit Giuliano Modesti

credit Giuliano Modesti

credit Giuliano Modesti

credit Giuliano Modesti